Giò Search

il meglio trovato in rete

L’evoluzione dei dolci di compleanno

La celebrazione di ogni compleanno che si rispetti, vede tra gli elementi essenziali del festeggiamento una torta, ma perché la presenza di un dolce è così importante?

Le origini dei dolci di compleanno

La consuetudine di festeggiare il compleanno risale all’antichità e riguardava figure importanti come i sovrani.
Gli egizi, ad esempio, omaggiavano il loro faraone con del buon cibo, mente i persiani, nelle ricorrenze speciali, utilizzavano la loro bravura in pasticceria. La cultura greca unì questi due metodi per rendere omaggio alla dea della Luna, da loro chiamata Artemide. Per richiamare lo splendore lunare i dolci venivano decorati con le candele, la loro forma era tonda e la colorazione bianca. La tradizione vuole che le candeline si spengano esprimendo un desiderio perché era antica convinzione che il fumo potesse salire fino agli dei portando loro i desideri umani.

Torte di compleanno moderne

Ai nostri giorni la scelta di festeggiare il compleanno è ancora molto diffusa in ogni fascia si età e in ogni contesto sociale. Negli anni passati, in cui non c’era molto benessere, il compleanno era celebrato solo al compimento di anni speciali come il diciottesimo. Chi poteva organizzava una festa e ordinava una torta in pasticceria su cui poteva esserci qualche scritta.

Negli ultimi anni il compleanno viene festeggiato fin dai primi anni di vita e la torta resta la regina della festa. La torta non è mai spartana, ma viene accuratamente decorata. Il decoro può essere realizzato con la panna e contenere una scritta di auguri di buon compleanno, o il numero di anni compiuti dal festeggiato. Il decoro può inoltre essere realizzato ricoprendo il dolce con una cialda per torte realizzata in ostia o pasta di zucchero su cui stampare disegni o fotografie.
Per i bambini si utilizzano spesso le foto dei personaggi dei cartoni animati preferiti. Per gli adulti è preferibile una foto che abbia un piacevole significato per il festeggiato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *