Giò Search

il meglio trovato in rete

Comprare oro oggi: perché conviene farlo

Oggi comprare oro significa investire sul bene rifugio per eccellenza, in grado di mantenere un valore stabile nel tempo al cospetto di scossoni finanziari o crisi globali. Prima dei privati è la domanda dei grandi investitori istituzionali a mantenere il prezzo dell’oro su livelli elevati, ed è questo il fattore primario che determina la sicurezza dell’investimento in oro. Ma come può un risparmiatore privato investire nell’oro?

Comprare oro oggi: i metodi con cui è possibile farlo

Per comprare oro al giorno d’oggi esistono due metodi specifici:

  • acquistare lingotti d’oro, da conservare poi in appositi spazi;
  • acquistare certificati sui mercati finanziari.

Nel primo caso si parla di una possibilità che è stata resa possibile dall’ormai lontano 2000: da allora infatti anche un privato italiano può possedere oro fino non lavorato.
Un consiglio per chi si appresta ad acquistare lingotti in oro è quello di comprare nei mercati regolamentati lingotti da 12,5 kg, con una purezza pari almeno al 99,5% e lavorati da un rifinitore abilitato.
È invece sconsigliabile conservare i lingotti acquistati in una cassetta di sicurezza: al fine di mantenerne l’integrità e il valore originari la soluzione migliore è la conservazione nei caveau autorizzati (come quello di una banca).

Nel secondo caso si tratta di un investimento effettuabile anche attraverso il trading on-line, con l’acquisto di fondi o certificati.
Negli ultimi anni tuttavia hanno avuto molta diffusione gli ETC, strumenti finanziari che replicano l’andamento dell’oro o ne detengono fisicamente il valore e che sono molto apprezzati per i bassi costi di gestione.
Investire nell’oro tramite l’acquisto di titoli o di quote è sicuramente il metodo più semplice per un investitore privato, ma anche quello che comporta maggiori rischi tra cui:

  • la possibile discrepanza dello strumento finanziario nel riprodurre il reale andamento dell’oro;
  • il rischio di insolvenza da parte dell’emittente del fondo o dell’ETC in cui si è investito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *